Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni.

Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul vostro dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Progetto nazionale per l'educazione fisica nella scuola primaria. A.S. 2013/2014.

Il progetto primaria, nell’anno di transizione verso il nuovo modello di intervento, presenta caratteristiche comuni ed omogenee su tutto il territorio nazionale. Il coordinamento è affidato al Comitato Direttivo Nazionale, composto da rappresentanti di P.C.M, M.I.U.R., C.O.N.I. e C.I.P. che ne assicura il governo delle attività, l'uniformità delle linee programmatiche e dei correlati adempimenti attuativi.

Sulla base delle esperienze fatte e degli indicatori raccolti ed analizzati nei precedenti anni di sperimentazione, il Progetto per l'anno scolastico in corso propone l'aggiornamento di alcuni elementi della didattica, così da renderla più aderente ai bisogni del contesto scolastico e più efficace nel raggiungimento degli obiettivi strategici.

Caratteristiche generali:
• affiancamento all'insegnante della scuola primaria da parte di un esperto laureato in scienze motorie o diplomato ISEF per 2 ore a settimana;
• realizzazione in tutte le Regioni e Province dello svolgimento di due ore settimanali di attività nelle classi coinvolte, ripartite in giorni separati;
• uniformità dell'impostazione scientifica e metodologica su tutto il territorio nazionale, sotto la diretta responsabilità educativa degli insegnanti della scuola primaria, cui viene affiancato un esperto di scienze motorie;
• gli obiettivi di apprendimento perseguiti sono saldamente radicati in quelli previsti nelle Indicazioni nazionali per la scuola primaria;
• particolare attenzione al coinvolgimento degli alunni con disabilità, secondo una linea inclusiva alla quale l'educazione fisica può fornire un ulteriore prezioso contributo;
• progettazione congiunta delle attività tra insegnante titolare della scuola primaria ed esperto, ad inizio attività, in coerenza con la progettazione già predisposta dall'insegnante;
• ulteriore arricchimento della proposta didattico-motoria per le classi 3° / 4° e 5° importanti in quanto momento di passaggio dall'educazione al movimento all'acquisizione di competenze motorie in chiave pre-sportiva;
• valutazione ex-ante e ex-post degli apprendimenti;
• realizzazione di una fase di formazione/aggiornamento specifica, rivolta agli esperti e ai tutor che saranno coinvolti nel progetto.

Scarica il progetto 2014 in pdf 



ID falsi come un problema sociale

Gli ID falsi sono diventati molto popolari in questi giorni tra i giovani. L'identificazione falsa consente loro di bere e fumare prima dell'età legale, specialmente nei paesi con limiti rigorosi come gli Stati Uniti. KingOfFakes è leader di mercato nel settore dei falsi ID. Questo venditore rende davvero facile ottenere la carta d'identità online per un piccolo pagamento confidenziale. La falsa nicchia sfrutta le scappatoie legali internazionali e si presenta come una novità nella produzione di souvenir per evitare ripercussioni. I pagamenti in valuta criptata rendono ancora più facile evitare il rilevamento. Per i ragazzi dei college americani i Fake ID sono un vero pass per la libertà, la libertà di scegliere attività sociali da intraprendere, che si tratti di bere o assistere a festival musicali. I migliori ID falsi che scansionano sono quelli che hanno tutte le funzionalità di sicurezza replicate con cura e abilità. Questo è un grande problema sociale che deve essere affrontato.